Prenotare l’hotel con largo anticipo? No grazie, ecco quando conviene farlo.

July 21, 2015

Milano, 21 luglio 2015 – Prenotare l’hotel con largo anticipo? Contrariamente a quanto si pensa, non è la mossa migliore per chi vuole risparmiare. Anzi, rischia di pagare di più rispetto a un last-minute. Lo rileva un’analisi realizzata dall’Osservatorio trivago: conviene riservare la propria camera in hotel un mese prima il soggiorno, quando in genere le tariffe raggiungono il picco più basso*.

La finestra temporale più conveniente: tra le 3 e le 6 settimane prima – trivago, il più grande motore di ricerca hotel al mondo, ha messo a confronto l’andamento delle tariffe delle strutture ricettive nei mesi che precedono l’effettivo soggiorno. Prenotare oltre i due mesi prima nella maggior parte dei casi comporta il pagamento di tariffe più elevate: la finestra ideale per riservare una stanza d’hotel in Italia è compresa tra le 3 e le 6 settimane prima. In prossimità della partenza si nota inoltre un maggiore risparmio legato alle prenotazioni last-minute rispetto a quelle last-second.

Il confronto con gli altri Paesi europei – Secondo l’analisi di trivago.it le politiche di revenue management adottate dagli albergatori degli altri principali Paesi europei risultano simili a quelle italiane, pur mostrando qualche discostamento in termini di settimane. Quando si viaggia in Germania, meglio pensare all’hotel tra le 3 e le 4 settimane in anticipo; anche in UK si può approfittare di prezzi più convenienti per una finestra di tempo limitata, in genere tra le 4 e le 5 settimane prima. La Francia sembra premiare le prenotazioni in prossimità della partenza: prezzi concorrenziali anche a 2 settimane dal soggiorno. Al contrario, se si organizza un viaggio in Spagna, meglio riservare l’hotel con oltre un mese di anticipo, tra le 4 e le 7 settimane.

Le abitudini dei viaggiatori – Un recente studio** dell’Osservatorio trivago ha messo in evidenza come il 64,3% dei viaggiatori europei tenda a prenotare l’albergo con più di un mese di anticipo rispetto all’inizio della propria vacanza (soggiorno minino di tre notti). In particolare, uno su dieci riserva la propria camera oltre sei mesi prima la partenza. Per i cosiddetti city break – soggiorni di due/tre notti, di solito nel fine settimana – le prenotazioni si concentrano invece nelle quattro settimane precedenti (76,6%).

Note

*I dati si basano sui prezzi medi degli hotel negli ultimi due anni per il periodo che va da gennaio a dicembre. Le indicazioni delle finestre temporali in cui conviene prenotare sono indipendenti dal mese in cui si soggiorna in hotel. Le piattaforme trivago prese in considerazione sono: Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito.

**L’analisi si basa sulle risposte, uniche e multiple, di 25.000 utenti trivago da sei Paesi (Italia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Spagna e Austria) alle 400 domande del trivago Quality Test (tQT 2011 – 2015). Si tratta di un programma di mistery guest che rileva la qualità delle strutture ricettive, coinvolgendo direttamente i viaggiatori.

Articoli simili

Viaggio di maturità 2017: la proposta di FlixBus e triv...

Con FlixBus e trivago alla scoperta dell’Europa. Parigi, Londra, Amsterdam e Monaco di Baviera: l’itinerario ideale per un viaggio di maturità adatto a tutte le tasche  In occasione degli esami di mat

I migliori hotel sul mare per l’estate 2017

Arriva l’estate: insieme al sole e al caldo ritorna anche la tradizionale selezione dei migliori hotel sul mare in Italia. Regione per regione, il blog di trivago Room5 ha individuato gli hotel vicini

Le destinazioni che stanno conquistando il cuore degli ...

Se è vero che gli Italiani sono tendenzialmente abitudinari quando si parla di vacanze, è altrettanto vero che con una Penisola piena di angoli da scoprire, è difficile non essere presi dalla curiosit